Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
spaziorealedottciancimino.over-blog.com

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 324

27 Mars 2017 , Rédigé par docciancimino Publié dans #Senza categoria

27 MARZO 2017:OCCHIO NOR-BERTO,IL CYBER-MACELLARO LEGATO AL NORD-MILANO DI SESTO SAN GIOVANNI

-SU LA REPUBBLICA:

Tangenti Sanità, il primario arrestato a Milano: "Sono distrutto, io dipinto come un mostro"Tangenti Sanità, il primario arrestato a Milano: Norberto Confalonieri (fotogramma)

L'ortopedico accusato di corruzione e turbativa d'asta ha risposto per due ore alle domande del gip respingendo le accuse. Nella memoria difensiva nega di aver rotto il femore a un'anziana per allenarsi. Lorenzin: "Gli anziani non sono cavie"

27 marzo 2017

"Mi avete distrutto". Così Norberto Confalonieri, primario del Cto-Pini di Milano, agli arresti domiciliari dallo scorso giovedì con le accuse di corruzione e turbativa d'asta, si è rivolto ai cronisti al termine dell'interrogatorio di garanzia durato oltre due ore davanti al gip di Milano Teresa De Pascale. Il medico, come ha riferito la sua avvocata, Ivana Anomali, "è affranto per essere finito in prima pagina, dipinto come un mostro".

LEGGI - Da Lady dentiera all'ultimo scandalo: l'affare delle forniture

Tangenti sanità, il primario arrestato a Milano respinge tutte le accuse e attacca i media: "Mi avete distrutto"

L'avvocata Anomali ha detto che il suo assistito è "sereno, tranquillo e contesta tutti gli addebiti. Ha risposto alle domande, ha depositato una memoria e ha spiegato le intercettazioni e i reati contestati". Nella memoria difensiva, il primario afferma: "Non ho rotto il femore apposta per allenarmi, ma si è rotto nell'impiantare la protesi. Il verbo allenarmi era goliardico". Così Confalonieri fornisce anche la sua interpretazione sulla frase 'simbolo' dell'inchiesta. Il medico è anche indagato per lesioni proprio perchè avrebbe provocato dei danni a pazienti operati con troppa 'leggerezza'.

Confalonieri precisa anche che il femore in questione, quello di un'anziana paziente, si sarebbe rotto "probabilmente in maniera lieve, tanto da non richiedere una sintesi dell'osso, ma solo riposo per un breve periodo. Allenarmi è un vocabolo goliardico, non professionale, in realtà stavo perfezionando la tecnica operatoria sulla via d'accesso, per poter operare al meglio le pazienti, previa valutazione sulle indicazioni corrette". Secondo l'accusa, Confalonieri avrebbe esercitato la 'tecnica bikini' su un'anziana donna in regime di sanità pubblica, al Pini - Cto, per poi applicarla a una 40enne alla casa di cura San Camillo, dove operava in 'extramoenia'. Anche a quest'ultima, stando a un'altra intercettazione, avrebbe spaccato il femore.

Sul caso interviene anche il ministro della Sanità, Beatrice Lorenzin, che sottolinea come "i pazienti non sono cavie e non perché sono anziani possono esser maltrattati o utilizzati per fare pratica. Hanno la stessa dignità e lo stesso diritto di accedere alle cure che le persone giovani. E questo va assolutamente vigilato. Una vigilanza - ha aggiunto Lorenzin - che deve essere in capo alle strutture sanitarie, ai direttori generali, ai primari, ai capi dipartimento, che devono vigilare che i diritti e i doveri vengano applicati".

Alla fine dell'udienza l'avvocata Anomali ha chiesto ai giornalisti di "ricordare quello che il professore è stato per l'Italia e per la scienza. Vi ricordo - ha spiegato l'avvocata - che il professore Confalonieri è tra i cento migliori chirurghi ortopedici del mondo". Sulle intercettazioni, l'avvocata ha poi sottolineato che "non bisogna fermarsi alle tre righe evidenziate dalla procura in neretto, ma bisognerebbe leggere tutta la conversazione".

I giornali in questi giorni, secondo Anomali, hanno riportato "letture sommarie" delle intercettazioni e ha chiesto ai cronisti "rispetto per un luminare". Infine ha aggiunto: "Il professore è un uomo mediatico e quando potrà personalmente parlare con i giornalisti, lo farà".

http:milano.repubblica.it/cronaca/2017/03/27/news/tangenti_sulla_sanita_a_milano_il_primario_arrestato_mi_avete_distrutto_-161540355/

-APPENDICE:SU LA REPUBBLICA:

Milano, primario ortopedia arrestato per tangenti respinge le accuse: "Intercettazioni fuorvianti"Milano, primario ortopedia arrestato per tangenti respinge le accuse: (fotogramma)

Il legale di Norberto Confalonieri, arrestato per corruzione, turbativa d'asta e lesioni: "Frasi lette fuori dal contesto". Lunedì interrogatorio di garanzia. Le fiamme gialle sequestrano cartelle di 62 pazienti

24 marzo 2017

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=wb9wUtAJ5es&w=560&h=315] [youtube https://www.youtube.com/watch?v=rLEa6EsX6As&w=560&h=315]

-E COSI SU CORRIERE DELLA SERA:

L’indagine

Il primario arrestato: «Le ossa rotte? Un incidente. Nelle telefonate scherzavo»
Norberto Confalonieri, il primario del Pini di Milano agli arresti domiciliari con le accuse di corruzione e turbativa d’asta, è stato interrogato dal gip. «Allenarmi? È un vocabolo goliardico» dice riferendosi alle intercettazioni che l’hanno inchiodato
di Giuseppe Guastella
Norberto Confalonieri intervistato dalla Rai (Fotogramma) Norberto Confalonieri intervistato dalla Rai (Fotogramma)

Non erano altro che «chiacchiere da bar», quando diceva (intercettato) di aver rotto il femore a un’anziana paziente mentre si «allenava» per un intervento da fare privatamente su una giovane, che finì anche lei con lo stesso osso rotto, ed erano solo parole «goliardiche» le sue, di cui ora si scusa, quando consigliava a un collega di allungare le liste di attesa nell’ospedale pubblico, che gli dava lo stipendio, così i pazienti si rivolgevano alle cliniche private, dove operava pagato profumatamente a consulenza.

Norberto Confalonieri, il chirurgo ortopedico del Cto di Milano agli arresti domiciliari per corruzione e turbativa d’asta e accusato di lesioni, dà la sua versione e rivendica con orgoglio i successi di 35 anni di attività con «8/9.000 pazienti» operati e «nessun contenzioso aperto».

Per la Procura di Milano, Confalonieri avrebbe impiantato alle ginocchia e alle anche di centinaia di pazienti le protesi prodotte dalla Johnson&Johnson e dalla B.Braun, le aziende che poi avrebbero ricambiato finanziando i suoi congressi e la sua attività scientifica. Era così che la sua fama di luminare della chirurgia computerizzata aumentava e con essa le file dei pazienti che, però, si allungavano a dismisura nel Centro traumatologico grazie a una precisa strategia che penalizzava il pubblico per favorire le cliniche private dove si faceva operare chi poteva permettersi di pagare e che in meno di quattro anni gli hanno versato 302 mila euro.

«Non sono un mostro, né un money-maker come sono stato descritto», dice il chirurgo nell’interrogatorio di fronte al gip Teresa De Pascale, il primo dopo l’arresto. I quasi 30 mila euro e il pagamento di viaggi per congressi ricevuti tra il 2012 e il 2015 dalle due aziende non sono, come sostengono i pubblici ministeri Letizia Mannella ed Eugenio Fusco in base alle indagini della Guardia di Finanza di Milano, le tangenti ricevute per impiantare sempre più protesi a carico del Servizio sanitario (al costo di oltre 393 mila euro), ma «rimborsi per prestazioni scientifiche di divulgazione e aggiornamento» del tutto trasparenti che sarebbe una «prassi comune» così come lo sarebbe il fatto che tutte le ditte hanno «i loro chirurghi referenti».

In ogni caso, al Cto c’era un’intera scala burocratica che sarebbe intervenuta se ci fossero state irregolarità, e non l’ha mai fatto. «Se il mio comportamento è disdicevole, allora tutto il sistema di divulgazione e aggiornamento scientifico è coinvolto», scrive Confalonieri nella sua memoria. Nessuna lesione: la frattura all’osso fu un incidente collaterale: «Non l’ho rotto apposta, ma si è rotto nell’impiantare la protesi». Quelle contestate dall’accusa su due pazienti operati? Non esistono. Si trattava di casi «complessi e problematici» risolti con la «guarigione», come era un «caso difficile e umano» la ragazza disabile morta dopo un intervento.

A fianco del suo legale, l’avvocato Ivana Anomali, il medico si definisce «uno dei maggiori esperti mondiali di chirurgia mininvasiva» e chiede che gli si «conceda la possibilità lavorare ancora» perché è lui che sostiene la famiglia». Poi si rammarica con i giornalisti: «Voi mi avete distrutto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
http:milano.corriere.it/notizie/cronaca/17_marzo_27/primario-arrestato-sono-distrutto-sono-stato-dipinto-come-mostro-aac20120-12e4-11e7-be9a-6ca09ed8307d.shtml
-
30 MARZO 2017:DOPO DUE GIORNI DI OSCURAMENTO DELLA MIA CONESSIONE INTERNET RIPRENDO LE PUBBLICAZIONI.
-PD:31MARZO 2017
QUESTO BLOCK OUT DI DUE O TRE GIORNI E' STATA UNA GRAVISSIMA VIOLAZIONE DELLA LIBERTA DI ESPRESSIONE LEGATA AL CALCIO FRA L'ALTRO. ED E' STATA UNA RAPRESAGLIA PER LA DISFATTA DELLA SELEZIONE DI CALCIO URUGUAYANA IN MANO DEL BRASILE PER 4-2 "A DOMICILIO" PER IL SEMPLICE FATTO CHE NOI,MIA MADRE ED IO SIAMO STRANIERI.VI STUPISCE?IN ASSOLUTO SE  PENSATE CHE IN QUESTI PAESI IL CALCIO VIENE VISSUTO COME UNA CAUSA NAZIONALE.E BASTA PENSARE AL BRASILLE DOVE UNA PRESIDENTA E' STATA SFRATTATA PERCHE LA NAZIONALE DI CALCIO HA PERSO IL MONDIALE A CASA,NEL PROPIO MARACANA,PERDEDO CON UNA SELEZIONE EUROPEA,LA GERMANIA,7-1.HA ASSUNTO MICHEL TIMER E BRASILE HA VINTO A CASA IL CAMPEONATO OLIMPICO..E BASTA PENSARE CHE IN CENTRO AMERICA DUE PAESI SONO STATI SULL'ORLO DELLA GUERRA PER UNA PARTITA DI CALCIO.E QUESTO BLOCK AUT E' STATA UNA ESTENSIONE DEGLI ATTACHI VANDALICI CHE MIA MADRE ED IO SUBIAMO OGNI VOLTA CHE IL NAZIONALE O LA  SELEZIONE NAZIONALE GIOCANO.ALLORA QUELLO CHE VENIVA PASSATO PER UN VANDALISO DI QUARTIERE COSI SI E' TRANSFORMATO IN UNA PUNIZIONE DI STATO.IL PARADOSSO E' CHE NOI NON ABBIAMO NESSUNA MILITANZA CALCISTICA NE INTERESSI A LUI LEGATI,SOLO SIAMO STRANIERI.E PEGGIO ANCHE  DEL BLOCK OUT E' SE PENSIATE CHE IL MARTEDI DOPO QUESTA PARTITA LA NAZIONALE DOVEVA GIOCARE CONTRO IL PERU,E PROPIO IL LUNEDI E' SUCCESO INSIEME AL BLACK AUT  UNA AZIONE GIUDIZIARIA LEGATA AD UNA RIDICOLA FARSA DI QUARTIERE NELLA QUALE MI SI ACCUSA DI MAL TRATTO A MIA MADRE.E SONO STATO MESSO IN UN CELLULARE DELLA POLIZIA E PORTATO AL GIUDICE CIVILE COME FOSSE UN DELINQUENTE.INVECE HO DENUNCIATO PIU DI 15 VOLTE I VANDALI E MAI E' STATO MOLESTATO NESSUNO.
PURTROPPO IL PERU HA VINTO ANCORA UN'ALTRA VOLTA SULLA NAZIONALE DI CALCIO IN UNA PARTITA CLASSIFICATORIA PER IL MUNDIALE DI LA RUSIA.PECCATO,NON MI E' STATO PERMESSO VEDERE LA PARTITA E ...IL GIUDICI-SHOW.
DUNQUE,I MIEI DIRITTI UMANI SONO STATI VIOLATI PER PARTITA DOPPIA.VIOLAZIONE CHE ANCORA SUCCEDE PERCHE TUTT'OGGI NON MI E' STATA RIALLACIATA LA CONNESSIONE AL MIO SMARTPHONE........
VI  MANTERRO INFORMATI.
-
30 MARZO 2017:OCHIO ALLA MAFIA RUSA
-TITOLARE LA REPUBBLICA:
usa
Trump contro i prodotti Ue e italiani -foto
nel mirino la Vespa e la San Pellegrino

· Media: "Donald, rapporti d'affari con la criminalità russa" · E il Congresso azzera la privacy online dal corrispondente F. RAMPINI e di S. COSIMI

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 324

Partager cet article

Repost 0